Progetto: Quill pen
Categoria: 3D printer
Autore: Federica Patuelli

Licenza

by-nc-sa

 

 

 

 

Questo progetto è rilasciato su licenza Creative Commons, fai click sull’immagine per saperne di più.

Scarica il progetto

Il FabLab Faenza è un’associazione culturale che non ha scopo di lucro.
I proventi derivanti dai workshop a pagamento, dall’acquisto di tempo macchina e dai service, saranno impegnati per l’acquisto di nuovi macchinari per ampliare le competenze degli utenti e le potenzialità del laboratorio. Se sei venuto al fablab e ti è sembrata una bella esperienza offrici una birra! 🙂

 

 


Quill pen realizzata dal FabLab faenza grazie alla richiesta di Francesca Santoro, giornalista, impegnata nella caccia al tesoro internazionale Gishweshs 2014. La richiesta arrivata era insolita: una quill pen o penna d’oca realizzata grazie all’utilizzo della stampa 3D.

La quill pen è uno strumento di scrittura antico (utilizzato tra il VI e XIX secolo) ricavato dalle piume primarie dell’oca, la punta di queste veniva tagliata per poter essere immersa nell’inchiosto ed essere usata per la scrittura. La base sella progettazione è stata realizzare una cannula che per capillarità assorbisse una determinata quantità d’inchiostro e fungesse quindi da piccolo serbatoio. Si è passati poi alla realizzazione della punta: il materiale utilizzato per la stampa è il PLA, che non ha particolare flessibilità (necessaria alla realizzazione del pennino) si è quindi lavorato sulla geometria del pennino per ottenere una forma simile al pennino per stilografica, con l’accorgimento di stampare cannula e pennino in un solo pezzo, per abbattere il tempo di stampa e far sì che il corpo della penna fosse abbastanza rigido.

La quill pen è stata stampata in orizzontale con il pennino rivolto di piatto verso il piano di stampa, all’intero pezzo è stato stampato utilizzando il “brim” per farlo meglio aderire al piano di stampa. L’accorgimento fa sì che una volta ottenuta la stampa si può affilare tramite taglio il pennino per ottenere lo spessore di punta desiderato, inoltre la sovrapposizione degli strati fa sì che il pennino risulti durevole, ma flessibile.

Ecco i risultati di scrittura ottenuti da questo incontro tra tecnologia e tradizione:

 

Qui il video su youtube.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *